Santa Gemma Galgani e il crocifisso

Una volta, nel settembre 1901, mentre apparecchiava e ave­va dinanzi a sé parecchio tempo, ogni tanto si fermava a con­templare il crocifisso. «Più lo mirava» dice padre Germano «e più il cuore le palpitava nel petto. Avrebbe voluto slanciarsi per arrivare a lui e più volte ne fece la prova. Poi gridò: “Ge­sù, datemi voi di giungervi, che ho sete del vostro sangue.” Mirabile cosa! Come già a san Francesco d’Assisi ed al mio santo padre Paolo della Croce, il simulacro si trasforma nel­la divina persona che rappresenta.

Gesù stacca il suo braccio destro dalla croce, e con un oc­chiata amorosa invita la sua fedele sposa a venire a lui. Gem­ma si slancia e vi giunge.

Gesù l’abbraccia: applica la bocca di lei sulla piaga del sa­cro costato, e Gemma, stringendosi a lui con ambedue le brac­cia, beve a larghi tratti e si bea a quella fonte divina, mentre con la persona rimane diritta in piedi, come se posasse so­pra una nube».

Tratto da http://www.preghiereagesuemaria.it/santiebeati/santa%20gemma%20galgani%20biografia.htm

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Gesù, Santi. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...