Mio Dio, eccomi

Se vuoi dunque, anima devota, piacere a Dio, e vivere in questa terra una vita contenta, unisciti sempre, ed in tutto alla divina volontà. Pensa che tutti i peccati della tua vita sconcertata ed amara ch’ hai fatta, son succeduti, perché ti sei scostata dalla volontà di Dio. Abbracciati da oggi avanti col divino beneplacito; e dì sempre,  in tutto ciò che ti accade: Ita Pater, quoniam sic fuit placitum ante te. (Matt. 11.16) Così, Signore, sia fatto, perché così è piaciuto a voi. Quando ti senti turbata da qualche avvenimento avverso, pensa che quello è venuto da Dio; onde subito dì, Così vuole Dio, e mettiti in pace. Obmutui, et non aperui os meum, quoniam tu fecisti. (Ps 38) Signore, giacché voi l’avete fatto io non parlo, e l’accetto. A questo intento bisogna, che indirizzi tutti i tuoi pensieri e le tue orazioni, cioè a procurare e pregare sempre Dio, nella meditazione, nella Comunione, nella visita al Ss. Sacramento, che ti faccia adempire la sua volontà. E tu offriti sempre, dicendo: Mio Dio, eccomi, fanne di me, e di tutte le cose mie quel che vuoi. Questo era l’esercizio continuo di S. Teresa; almeno cinquanta volte il giorno la Santa si offriva al Signore, acciocché avesse di lei disposto, come gli fosse piaciuto.

Sant’Alfonso Maria di Liguori

Tratto da http://www.monasterovirtuale.it/home/dottori/alfonso/uniformita.html

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Santificazione. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...