Combattimento fra l’umanità e lo Spirito

Combattimento fra l’umanità e lo Spirito
Santa Veronica Giuliani

1. Spirito: O dolce mio Signore,
voglio star dentro al tuo Cuore.

Umanità:
e tocca penare
e star tra mille pene.

2. Spirito:Giesù mio caro Bene,
se posso in te posarmi
di nulla io vo curarmi.

Umanità:
Mi sento consumare
non so dove posare.

3. Spirito: Il riposo che bramo io
non lo trovo altro che in Dio.

Umanità:
Tra croci e tra dolori
non trovo mai ristori.

4. Spirito: Tra croci e patimenti
io trovo i miei contenti.

Umanità:
O poverina me!
Non è niun per me.

5. Spirito: Che cosa importa a te?
Mentre io sto nel mio centro
non vò pensare a te.

Umanità:
Già mi avveggo bene io
che tu mi hai già lasciata,
afflitta e sconsolata.

6. Spirito: Io dico: Davvero
facciamo un poco i patti
di far poche parole
e molti fatti.

Umanità:
I patti che vò fare:
non vò che tu mi privi di parlare,
che qui trovo ristoro.

7. Spirito: Già m’avveggo del tuo errore:
che per il tuo ciarlare
mi levi dal Signore.

Umanità:
Sto qui com’in prigione,
rinchiusa tra queste mura,
e poi ho da stentare.

8. Spirito: Tu mi vuoi rovinare
con tanti ciarlamenti;
non do retta ai tuoi lamenti,
in Dio vò sempre stare.

Umanità:
Ora mi veggo morta,
mentre tu mi fai guerra,
senza nessun conforto.

9. Spirito: Non occorr lamentarsi:
ti vò ben flagellare;
cheto cheto voglio stare.

Umanità:
S’aggiungono sempre pene:
Oh! Che sarà di me!

10. Spirito: Cosa importa a te?
Se immerso sto in Dio,
lì solo è il mio desìo.

Umanità:
Se tu mi dai licenza,
pigliarò un po’ di ristoro
per aver maggior vigore;
ma per tutto trovo assenzio.

11. Spirito: O dolce vivanda
é il patir che Dio ci manda!

Umanità:
Con tante tue astinenze
tu mi fai consumare;
farò da te partenza;
or lasciami un po’ stare.

12. Spirito: Oh! Non sai quel che tu fai:
se stai senza di me,
tu morirai.

Umanità:
Io ho poca sanità,
e tu, senza pietà,
mi fai faticare.

13. Spirito: Ohimè, come tu sei!
Dirò a Giesù, mio bene,
che mi aggiunga più pene.

Umanità:
Se mi dai riposo,
mi dai un letto duro
che appena si può stare.

14. Spirito: Anzi, da qui avanti
ti vò far dire il vero:
or muta un po’ pensiero,
seguimi avanti.

Umanità:
Questo ruvido sacco
fa ben scorticare,
e tu non hai pietà.

15. Spirito: Non do mente ai tuoi deliri:
tu mi vuoi rovinare con tanto dire.

Umanità:
Sai quel ch’io ti dico?
Se mi vuoi contentare,
seguita il mio parere, non dubitare.

 


16. Spirito:
Tu sai quel che tu dici:
però inviti me.
Or lasciami un po’ patire:
non importa a me di te.

Umanità:
Or m’avveggo che a poco a poco
mi vuoi mettere nel fuoco
a consumar. Ohimè, come ho da fare!

17. Spirito: Se tu mi vuoi venire,
ti metterò sovente
nella fornace ardente
del patire.

Umanità:
Tu sei molto costante:
or tirami avanti,
teco verrò.

18. Spirito: Non mi fido di te:
tu sei ingannatrice.
Or resta un po’ da te.

Umanità:
Se tu mi dici il vero
che soave è il patire,
verrò dietro di te;
se no, mi fai morire.

19. Spirito: Ora non dubitare
la morte che hai da fare:
non hai pensare a te,
il dominio ha da stare
sopra di me.

Umanità:
Io son pronta al tuo comando,
fa di me quel che tu vuoi,
non voglio andare piè errando.

20. Spirito: Non voler dubitare:
sta pure allegramente,
che ti darò contento.

Umanità:
Aggiungi penitenze,
cerca pur travagli e pene,
che tutto sarà poco
pel sommo eterno Bene.

21. Spirito: Ora prendo dominio, e ti comando:
seguimi pure senza nessun timore;
ti vò menare al Cor di tutti i core.

Umanità:
Io mi fido di te:
mi soggetto per morta,
non m’importa
a me di me.

22. Spirito: Or lascia indietro l’Io,
se vuoi venire a Dio.

Umanità:
Sento che si lamenta,
non vuol restare addietro,
vorrebbe venir meco.

23. Spirito: Non vò che ci rovini.
Or lascialo un po’ stare;
seguita pure, non dubitare.

Umanità: Or senti il gran clamore?

24. Spirito: Lascialo pur ciarlare.
Umanità: Digli quattro parole.

25. Spirito: Questo lo voglio fare.
Umanità: Sgridalo pur bene.

26. Spirito: Or sai quel che ti dico?
Tu sei il traditore e mio nemico.

Umanità:
Tu mi hai pur detto il vero;
che tra tormenti e pene
si trova il vero bene.

27. Spirito: Tra croci e patimenti
si provan gran contenti.

Umanità:
Or vi lascio, piaceri terreni,
siete vani e menzogneri;
non mi cercate più,
perché io vado a Giesù

28. Spirito: Or così tu devi fare:
a me piace il santo zelo.
Orsù, dunque, andiamo al cielo!

Umanità:
Addio, mondo, coi tuoi seguace:
io ti lascio e resto in pace.

29. Spirito: Finchè stai in questo terra
proverai una gran guerra:
grida pur, ma sempre più:
tutto è poco per Giesù!

Umanità:
Or che ho trovato il vero Amore,
sento ormai che a questo core
il patir, benché sia amaro,
li par dolce e assai caro.

30. Spirito e Umanità: Su dunque, con allegrezza,
andiam con gran prontezza
collassù nell’ampio polo
lì fermiamo il nostro volo.

Santa Veronica Giuliani

 

Tratto da http://www.gesuiti.it/moscati/Ital2/SVGiuliani3.html

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Santi. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...