Gesù Eucaristia, Tu mi hai fatta per te, e per te tutta io sono

O Gesù Eucaristia!

Gesù Eucaristia, Tu mi hai fatta per te, e per te tutta io sono.
Misericordia eterna, io ti ringrazio per la grazia immensa che Tu m’hai fatta e mi fai di non familiarizzarmi con te, così da perdere quel gran rispetto che ti devo e di rendermi come abituali i grandi atti della nostra devozione! Appunto perché sei sempre qua, io sento bisogno di più annichilirmi al tuo cospetto.Appunto perché ti ricevetti ieri, oggi sento il bisogno, nel comunicarmi, di sprofondarmi di più nel mio nulla, di ammirare di più la tua munificenza, la tua bontà.
Vorrei incenerirmi, polverizzare tutto il mio essere: vorrei, quante cose vorrei! E le lacrime di tenera commozione bagnano i miei occhi.
Vorrei trattenermi con te di più in ringraziamento, perché sei venuto di nuovo. «No, non posso abituarmi ai tuoi doni», esclamo: «Grazie, Gesù». Quante lacrime verserebbe il mio cuore, quale martirio prova quando vede le Santissime Comunioni lasciate quasi senza ringraziamento o fatte quasi per abitudine!
Gesù, io spero di sbagliarmi in ciò, ma l’amore che ti porto m’a fatto intravedere tante volte i freddi trattamenti che Tu ricevi in cambio del tuo gran dono! E quale strazio! Tu sai tutto di tutta la mia vita, per te Eucaristia! Perché sei celato, perché sei troppo buono, come ti si tratta, come ti si corrisponde, o Gesù!
Quale frutto possono arrecare all’ anima quelle Santissime Comunioni fatte senza debito ringraziamento? È al calore d’un amoroso rendimento di grazie che sbocciano nell’anima affetti, sentimenti, disposizioni simili ai tuoi, o Gesù: è allora che l’unione veramente s’alimenta e si stabilisce.
Concedimi, o Gesù, anime che si comunichino per amore e con amore, che facciano il possibile per dare tempo, il più che possono, al rendimento di grazie, ed io ti darò, o Diletto, in breve anime di te appassionate, ferme nel dono di sé e sinceramente date al lavoro della propria santificazione!
Lo sperimentino tutti, o Gesù, ciò che sorge dalle Comunioni ben fatte, ciò che sai e vuoi dare Tu quando scendi nei nostri petti! Senza dubbio, o Gesù, se gli occhi amorosamente si chiudono per mirare te, se ogni senso tace, se ogni estraneo pensiero è raffrenato, non opererai Tu? Tu che passasti quaggiù facendo del bene, passerai come estraneo e senza largire le tue misericordie nella terra delle anime nostre?
Beata Madre Maria Candida dell’Eucaristia – 12 Giugno
Tratto da http://carmelitanemoncalieri.org/g11_candida.html
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Eucaristia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...