Nel mese dei fiori – Giorno 27

 

Vigesimo settimo giorno

Come Maria così tu devi riputarlo ad onore seguire Gesù fino ai piedi della croce

 

Una madre ama il figliuol suo. Il meschinello se ricada ammalato, la pia genitrice gli è sempre intorno. Se l’infelice ammali fuor via, la madre accorre là più sollecita e ne conta del figlio tutti i gemiti e in volto a lui legge tutti i sintomi del male.

Povera madre Maria! Ella, quando scorse in spirito Gesù a sudar sangue nell’orto e di poi che lo vide infermo per tanti orribili maltrattamenti degli ebrei, Maria gli fu d’accanto. Quando poi vide Gesù uscire dalle porte, allora gli corse dietro. Scorgilo qui il vero Figlio di Dio e di Maria. Si incammina fuori la città e quegli abitanti imprecano a’ suoi passi con motteggi di amarissimo scherno. Gesù è già carico del pesante legno di croce, eppur gli serrano le catene intorno e al passaggio scagliano, i maligni, sassi e sozzure per farlo inciampare. Gesù è maledetto da un popolo, eppure egli esce da città e viene sur un colle a vista di tutti, per dire che, se ha a morire, vuol spirare in luogo dal quale tutti possano vedere.

Maria santissima ascoltava per sé tutti gli improperi che si facevano a Gesù in croce. “Va — gli gridavano i giudei — va che tu sei un impostore… Hai salvato tant’altri, ché non salvi te medesimo? E il tuo Padre Dio che è nei cieli, che fa egli desso?”. E movendo il capo seguivano a schernirlo con insulto altissimo.

Queste ignominie le buttano in volto ai cristiani ancora i giudei del tempo nostro: “Tu sei un divoto di Gesù, va che sei un impostore; sei povero… e che fa che non t’aiuta Gesù tuo signore?… Sei figlio di Dio, ma come è che tutti ti spregiano?”. Tu, allora che ti insultano così, prega: “Perdonate, o Signore, perché non sanno quello che si facciano”.

Se tu scorgessi un fratello od un amico diletto, il quale sia ridotto a’ mali termini di Gesù sul Calvario, dimmi, ti basterebbe il cuore di vedere e passar oltre? Oh come ti salirebbe il sangue alla fronte! Oh come impugneresti forte il braccio! E tu senti le beffe contro al tuo Salvatore e taci? E tu odi gli improperii contro alla tua fede e poi ti nascondi? E tu senti avvilirti nel più vivo delle tue convinzioni, nel più sacro dell’anima tua e poi non ti scuoti? Levati su da generoso, abbraccia la bandiera del tuo Salvatore, reca in fronte il segno sacrosanto della croce e poi percorri franco la terra e sclama con vivo affetto: “Eccolo, eccolo l’improperio del mio divin Salvatore. Mi glorio di portare l’improperio del mio salvatore Gesù Cristo”.

Oh come sublime innalzò Maria questa bandiera! La Vergine benedetta trasse a sé, per seguitare Gesù, soldati validissimi. Sollevò la bandiera per quelli che sentironsi disposti a lasciare il mondo e seguire Gesù sotto una regola più severa di religione. Di questi ne adunò un esercito sterminato. Sollevò la bandiera per quelli che sentironsi di predicare il nome santo di Gesù Cristo e trovò innumerevoli che per pubblicare le glorie di quel nome sacrosanto non curarono stenti, non si lasciarono lusingare dal sangue. Si trovò subito di quelli che per confessare il santo nome di Gesù Cristo non temerono le carceri e sopportarono di buon animo le condanne. Poi novera quelli che per ossequio a Gesù Cristo mantengono mortificati i propri sensi. Novera tutti quelli che per amore a Gesù Cristo vivono e respirano all’unico intento di procacciargli gloria in tutto. Questi sono in folla troppo fitta per poterli numerare.

Sicché ti pare che sia onorevole seguire lo stuolo di questi illustri? Maria ti è sempre dinanzi, e là sul vertice del Calvario è Gesù che ti attende. Come si conforterà il suo cuore agonizzante in vederti giungere a lui! Incamminati, incamminati. E quando ti sia posto in via, affrettati infino a che tu giunga al suo cospetto. Prega Maria che ti accompagni. Intanto salutala con dire: “Dolce Cuore di Maria, siate voi la salvezza mia”. Di poi affrettati pure in questo dì a seguire Gesù per quella via o di mortificazione o di buon esempio o di discorso savio, come ti è tracciata.

Beato Luigi Guanella

Tratto da http://www.intratext.com/IXT/ITA0614/__PTF.HTM

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Guanella, Madonna. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...